Prova Home Forum Proposte attività GAL Il percorso delle Torri

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #4256
    Francesco
    Partecipante

    L’idea progettuale consiste nella valorizzazione di un tratto di costa ben preciso, dalla spiaggia di Randello a Punta Secca. Questo percorso caratterizzato dalla presenza di torri normanne del 16°secolo,da spiagge, falesie e baiette suggestive e da una macchia mediterranea incontaminata oggi è afflitto da frane causate dall’erosione del mare, (su cui già esistono dei finanziamenti stanziati nel 2012 ma non ancora attuati di tutela della fascia costiera), serre abbandonate, discariche abusive e immondizia a decorare una dei tratti di costa più belli della Sicilia orientale. Oggi gli operatori turistici registrano un incremento notevole delle presenze in provincia di Ragusa oltre che ad un allungamento della stagione turistica con previsioni di crescita nei prossimi anni, attualmente questo tratto di costa è fruito da migliaia di visitatori che se da una parte rimangono estasiati dalla bellezza dei luoghi, dall’altra non possono fare altro che rimanere basiti dalla non curanza e dall’ abbandono in cui versano questi luoghi. Il Percorso delle torri oggi se correttamente valorizzato potrebbe essere fruito in maniera sicura e sostenibili da migliaia di persone sia turisti che locali per attività balneari, trekking, percorsi in muntainbike, a cavallo e generare nuove opportunità economiche per le innumerevoli attività alberghiere e commerciali che già operano nel territorio e per le nuove che possono crearsi. Gli interventi da attuare sono i seguenti:
    1) Messa in sicurezza delle falesie e dei costoni pìù a rischio.
    2) Creazione del percorso, delimitato con legni di castagno come quelli usati dal Comune di Ragusa nel progetto Life ai Canalotti.
    3) Pulizia e scerbatura del percorso.
    4) Apposizione di segnaletica adeguata.

    costo stimato inferiore a 500.000 euro

    #4258
    simo80
    Partecipante

    ottimo intervento , soprattutto per il discorso turistico e di destagionalizzaizone gia avviato da imprenditori privati con campeggi , strutture ricettive complementari e strutture ricettive.
    Speriamo di portarla aventi

    #4260
    Marzia
    Partecipante

    Complimenti per la proposta. Valorizzare gli itinerari naturalistici e rurali significa infatti promuovere un turismo orientato alla sostenibilità ambientale e alla tutela di tutte quelle risorse paesaggistiche che devono essere rese fruibili ai locali e ai tanti turisti desiderosi di conoscerle. Si riuscirebbe in tal modo a soddisfare la domanda, sempre più in crescita, strettamente connessa al turismo verde. Pieno appoggio e condivisione.

    #4271
    Arch Capuano Fabio
    Partecipante

    La proposta è interessante e soprattutto attuabile in quanto non rientra tra quelle proposte affascinanti ed irrealizzabili.
    La valorizzazione del territorio non può non passare dalla tutela dello stesso e dalla predisposizione ad essere fruito.
    Tutela e fruizione, due termini che in sé racchiudono non solo il rispetto per l’ambiente ma anche un alto senso culturale e civico.
    Ciò che mi ha colpito di più è che l’idea si propone come la continuazione di un altro progetto già realizzato, quindi, esso stesso diverrebbe parte dell’insieme amalgamandosi con l’esistente senza tradire pretese di unicità.

    Spero che qualcuno prenda quest’idea seriamente in considerazione.

    #4273
    Giorgio
    Partecipante

    Il percorso delle torri è un progetto che potrebbe ridare ai cittadini e ai turisti un modo utile di riappropriari di uno splendido tratto di costa ancora incontaminato. auspico la collaborazione attiva del Comune di Ragusa e Santa Croce per la realizzazione di un opera a Punta Braccetto, territorio che versa in condizioni pessime.

    #4274
    Nadia
    Partecipante

    Eccomi finalmente in un sito nel quale possa esprimere l’amarezza e la contrarietà nei confronti di chi potrebbe ma non agisce riguardo ad una problematica visibilmente ingente. Fenomeni di erosione a rischio di ingressione marina negli abitati hanno raggiunto punte elevate di criticità. L’intervento di ripascimento della costa, e nello specifico nel litorale di Punta Braccetto, fortemente danneggiato dalle impetuose mareggiate invernali, è urgente e necessario in materia di sicurezza e sviluppo sostenibile.
    Con queste righe spero di sensibilizzare gli addetti ai lavori ad intervenire nell’immediato e mi auguro di non assistere più a scene che vedono i turisti ammirare ed apprezzare questi luoghi ma “scappare” da essi per la mancanza di fruibilità e sicurezza.

    #4275
    Lorenzo
    Partecipante

    Finalmente un progetto interessante ed utile per il nostro territorio che potrà fare visitare in tutta sicurezza e pulizia la nostra fascia costiera ai tanti turisti che ormai fortunatamente sono presenti tutto l’anno soprattutto a punta braccetto !

    #4279
    Gianna
    Partecipante

    Scarsa è la cura per il nostro territorio: ricco, unico, apprezzato, ammirato e cercato da chiunque.
    Ovunque, dove sono stata, ho pagato per “ammirare” luoghi che non hanno nulla da invidiare ai nostri, luoghi che “vendono” a caro prezzo e tenuti come fossero un tesoro. In particolare, il progetto del ” percorso delle torri” è necessario e va realizzato nell’immediato sia al fine di evitare il totale disfacimento della costa, oramai visibilmente erosa, sia per lanciare il turismo e rendere questi luoghi eccezionali ed unici. Condivido, inoltre le proposte fatte: trekking, percorsi in muntainbike, a cavallo, adeguate alla nostra costa, con un costo stimato accessibile agli Enti preposti alla valorizzazione e tutela dei nostri territori.

    #4314
    Antonino Mandarà
    Partecipante

    Congratulazioni Francesco,ho avuto modo di leggere attentamente il tuo progetto,e condivido in pieno ogni singola lettera.
    E’da un paio di anni a questa parte che il nostro territorio e’ invaso da moltissime persone provenienti dalla nostra stessa nazione ma soprattutto da mezza europa, i quali vengo a svernare dalle nostre parti,ed io non lo chiamerei allungamento del periodo estivo ma lo chiamerei: turismo invernale!!!
    Spesso il mio lavoro mi porta a Punta Bracetto ed ho modo di vedere queste orde di persone impegnate in lunghe passeggiate in lunghe pedalate a godersi il nostro selvaggio territorio!!! certo se il progetto si realizzasse sarebbe la ciliegina sulla torta di un pezzo di costa invidiata da tutto il mondo.Grazie Francesco e in bocca al lupo.
    Tony Mandara’

    #4315
    Gaetano
    Partecipante

    Questo progetto rappresenta una valorizzazione delle naturali potenzialità turistiche del nostro territorio. Si muove perfettamente in linea con le numerose richieste che quotidianamente provengono da turisti e residenti nella duplice veste di cittadini e titolari di attività ricettive e commerciali.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.